L'allegra gestione dei soldi comunali.

Fatti esemplificativi di un comune mal governato

L’edizione di giovedì 21 aprile de il “Quotidiano” riportava una notizia che riguardava i conti del comune. L’articolista scriveva di una missiva inviata, al Sindaco e al Revisore dei Conti, dal responsabile dell’ufficio finanziario il quale ipotizzava da una ricognizione effettuata con gli impiegati dello stesso ufficio di debiti fuori bilancio per circa 580.000 euro, in sostanza 580 mila euro di fatture non pagate che non trovano giusta copertura nel documento contabile. Leggendo questa cifra spropositata mi sono recato immediatamente in Comune per cercare di capire cosa stesse succedendo, quali spese concorrevano a questa cifra che supera il miliardo delle vecchie lire. Busso alla porta dell’ufficio finanziario (una volta le porte erano aperte…. non si doveva nascondere nulla) e trovo fortuitamente la responsabile dell’ufficio finanziario apprendendo delle sue dimissioni, da responsabile dell’ufficio finanziario, successive alla lettera, per eccessivo carico di lavoro. Chiedo lumi sul documento che gentilmente mi portano in visione seppur con un visibile imbarazzo, forse in relazione alla funzione ispettiva di consigliere comunale o forse per i trascorsi di assessore al Bilancio. Come in una sceneggiatura abilmente scritta da maestri cinematografari compare tutto ad un tratto l’ex responsabile dell’Ufficio Finanziario da un po’ di tempo in pensione che alla mia visione esclama: “questo paese è bravo ad uscire sui giornali”. Non ho certo risposto alla provocazione frutto più di evidente disagio per l’accaduto, anche perché una Suora presente m’invitava ad essere “Angelo di Pace”.  Senza entrare nel merito, sperando che ci siano occasioni istituzionali per esprimere una posizione prendevo atto di quanto segue:

La lettera con l’ipotesi di debiti fuori bilancio è autentica regolarmente registrata al protocollo.

Prendevo atto delle dimissioni della firmataria della lettera da responsabile dell’Ufficio Finanziario, successive alla lettera stessa.

Prendevo atto della presenza in Municipio dell’ex responsabile dell’ufficio finanziario il quale evidentemente lavora a qualcosa (?) avendo accesso a tutti gli atti del comune come un qualsiasi dipendente comunale.

Prendevo atto della nomina di un nuovo responsabile dell’ufficio finanziario.

Quello che c’è dietro questa storia cercheremo di capirlo e raccontarlo. Intanto fatevi voi un’idea.

Fabrizio Zecca Consigliere Comunale

Documento reperito sul web Blog Primavera Cerisanese